Draghi in Libia, 248 vergognosi caratteri che nascondono le torture

“Sul piano dell’immigrazione noi esprimiamo soddisfazione per quello che la Libia fa nei salvataggi e nello stesso tempo aiutiamo e assistiamo la Libia. Ma il problema non è solo geopolitico, e anche umanitario e in questo senso l’Italia è uno dei pochi Paesi che tiene attivi i corridoi umanitari”.

Mario Draghi, in Libia, 6 aprile 2021.

Sono 248 caratteri, spazi inclusi e vanno analizzati, non ci vorrà molto.

Sul piano dell’immigrazione noi esprimiamo soddisfazione per quello che la Libia fa nei salvataggi.

Siamo contenti, soddisfatti che la Libia, che a oggi non esiste, ma è fragile puzzle in cui cerchiamo di avere un ruolo non certo per scopi umanitari, bene siamo soddisfatti che la sedicente Guardia Costiera libica, cioè ex trafficanti o mafiosi locali cui l’Italia ha dato navi e armamenti, peschi gli uomini che la mafia dell’immigrazione tortura e spreme e li riporti dentro i lager da cui sono partiti.

Nello stesso tempo aiutiamo e assistiamo la Libia.

Noi vi abbiamo dato i soldi e vi diamo anche i mezzi. L’accordo c’è e regge, niente discontinuità, parliamo di affari, non si accenna ai diritti umani.

Ma il problema non è solo geo-politico, ma è anche umanitario.

Le migrazioni, ormai lo sappiamo bene, hanno diverse cause. Guerre, persecuzioni, pressioni su altri stati certo, ma soprattutto povertà, clima. Le migrazioni sono un business per i trafficanti di uomini. La frase è storta, nella pochezza del pensiero esposto in conferenza stampa congiunta; anche dire solo il problema è umanitario e non solo geopolitico, avrebbe assunto un minimo di riconoscimento della dignità delle persone.

Migranti torturati in Libia

In questo senso l’Italia è uno dei pochi Paesi, forse l’unico, che tiene attivi i corridoi umanitari.

Peggio della guerra di Salvini alle Ong sta facendo l’attuale governo e il governo precedente con una serie di blocchi amministrativi che hanno limitato moltissimo l’azione delle navi che riescono a salvare vite. I corridoi umanitari non sono una politica d’Italia, ma una iniziativa di alcune organizzazioni che riescono a trasportare una goccia del mare. Il resto che viene salvato lo è grazie a navi che riescono, quando possono, a navigare contro vento, sottoposte a mille controlli e sospetti.

Gli ambienti della nostra guardia costiera e anche della Marina sono provati da ordini che sovvertono le regole del mare, dove a chi muore si presta una mano e si carica a bordo. La campagna elettorale di presunta sinistra e destra si poggia sulla pancia del popolino, sulla retorica del disumano, dove i poveri impoveriti dalla crisi si sfogano sui più deboli, che sono i migranti. Ma noi siamo un Paese buono, dice il presidente del Consiglio. Forse l’unico.

Ecco. Questa analisi dice quanto di falso si possa affermare di fronte alla verità.

Non è una questione di diplomazia, o di scacchiere, forse è una questione di influenza e di petrolio o altre risorse. Di certo non è un discorso degno di una repubblica che ha una Costituzione così chiara come la nostra.

C’è da troppo tempo questa insanabile frattura, distanza fra le parole doppie, triple della politica e dei politicanti e la realtà delle cose che sono gli stupri e le torture, le botte e l’inferno che molti hanno testimoniato nei loro servizi giornalistici, accettati e riportati dalle agenzie delle Nazioni Unite (se dovesse servire un bollino).

Perché un elegante e raffinato Presidente del Consiglio italiano non può in una traballante Libia dire che sui diritti umani si deve fare di più, che si devono chiudere i lager e combattere la mafia dei trafficanti? Servirebbe non fare accordi con loro, innanzi tutto.

Eppure, dall’uomo forte Marco Minniti allora al Viminale, che piacque e tanto alla pseudo sinistra bourgeoise perché era destro nel fare e risoluto, anche con un mento volitivo a ben vedere, vennero gli accordi con la Libia e la censura degli interventi delle Ong.

Da quel ministro vennero le parole della paura per la tenuta democratica del Paese e l’inizio della guerra alle Ong. I destri che vennero poi furono solo dei tragici figuranti dell’insulto e della superbia dell’inumanità compiaciuta a favor di telecamera.

Vogliamo le parole coerenti dalla politica, dalle istituzioni vogliamo il rispetto delle parole della nostra Costituzione, vogliamo che si dica basta alla negazione dei diritti umani e che si agisca in questa direzione. Non le intercettazioni clamorose che violano la libertà di cittadini italiani e delle loro fonti professionali. La faccia tosta di un potere che si sente immune e al di sopra di tutto, delle libertà che abbiamo sancito e conquistato.

Vogliamo tornare a dire e sentire parole di senso compiuto che siano specchio della realtà.

Vergogna.

Angelo Miotto, via qcodemag

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo

Also published on Medium.

The following two tabs change content below.

Angelo Miotto

Giornalista dal 1992, documentarista radiofonico, autore di saggi, testi teatrali e per l'opera. Ha vinto i premi Baldoni, Bizzarri, Anello Debole. Fra i pionieri del webdocumentario con produzioni riconosciute a livello internazionale. Ha lavorato a Radio popolare, PeaceReporter, E il Mensile e nel Digital Brand. Nel 2013 ha fondato Q Code Mag, di cui è direttore insieme a Christian Elia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *