Firenze. Università a nord-ovest. In centro “alta formazione”, mercificazione e selezione sociale

La storica facoltà di Agraria si sposta dalle Cascine al Polo scientifico di Sesto Fiorentino. La sua costruzione sarà finanziata anche con i proventi della vendita della fattoria di Montepaldi, 300 ettari di «laboratorio a cielo aperto» dell’Università di Firenze, sulle colline di San Casciano. Per farne forse un albergo di lusso o un parco a tema.

Mentre un importante pezzo dell’ateneo si allontana dalla città, il sindaco Nardella – che, fuori tempo massimo, sbotta in un «basta alberghi» – dichiara che per la città vuole «alta formazione».

Ma quale formazione è sufficientemente “alta” per il centro storico di Firenze, se da decenni l’università ne viene espulsa pezzo a pezzo?

“Alta formazione” significa istituti culturali e università straniere, da Usa, Singapore, Cina. Significa aprire le porte a facoltosi studenti – “utenti” per poche settimane del prestigioso quadro urbano – e, viceversa, chiuderle a quelli italiani, magari poveri in canna, che potrebbero investire nella città le loro migliori energie: si sa, la selezione sociale è compagna fedele della mercificazione urbana.

Con l’allontanamento di Agraria, in città si apre un altro «buco nero», come il primo cittadino definisce le aree svuotate di funzioni, non di rado edifici di valore storico-monumentale. Buco nero: un’espressione che dà la cifra del livello di incertezza che ne avvolge il destino, e che solo l’«investitore estero», privato, sembra poter rischiarare.

Per i “buchi neri” non esiste un disegno urbanistico, organico. Si procede per tasselli, per toppe, per varianti. In questo gioco, la «produzione dello spazio» (scriveva Lefebvre) non è propriamente in mano pubblica. Il potere sulle trasformazioni risiede altrove.

Eppure, proprio a partire dai nardelliani “buchi neri” si potrebbe ridisegnare il volto di una “nuova città”. Farne i nuclei di una costellazione di centri ad alta vocazione civile e sociale.

Ma vediamo come sono andate le cose. Nel trentennio neoliberista molte funzioni militari e civili hanno smesso il loro ciclo vitale, molte industrie hanno delocalizzato (per mettere a frutto la rendita di posizione). Numerose attrezzature sono invece state “decentrate” senza pianificare i vuoti che si lasciavano alle spalle. Funzioni pregiate sono proiettate, dal centro, verso le terrae nullius nord-occidentali: tribunale, la Cassa di Risparmio, ospedali e servizi sanitari, attività culturali, scuole. Non ultima, l’università.

Il polo di Novoli

L’espulsione dell’università dalla città prende il via a partire dagli anni Novanta. Le facoltà scientifiche traslano nel remoto polo di Sesto, una landa per lungo tempo neppure servita dagli autobus urbani. Le facoltà delle scienze umane – Giurisprudenza, Scienze politiche, Economia – colmano a Novoli il vuoto della Fiat, dislocata verso la Piana. Un vuoto di metri cubi e di bilancio, ripianato con i soldi pubblici. E l’errore urbanistico non è stato risarcito dalla “buona” architettura.

Ora è il turno della facoltà di Agraria. Non mancherebbero le strutture capaci di soddisfare i nuovi bisogni. La ex Manifattura tabacchi, situata a pochi metri dalla Fattoria granducale – sede storica di Agraria con i suoi terreni agricoli sperimentali –, si sarebbe prestata ottimamente allo scopo. Come le OGR. Ma nessun Piano lo prevede, né lo ha previsto.

Che ne sarà, allora, della vuota fattoria delle Cascine? O del secentesco palazzo di via Micheli, oggi biblioteca di Architettura, se ne avvenisse la (più volte ventilata) vendita? Alberghi di lusso, molto probabilmente: nessun privato comprerebbe edifici di tal fatta per non trarne il massimo profitto.

Il polo scientifico a Sesto Fiorentino

Se la città avesse esercitato una volontà pianificatoria, l’ex Teatro comunale e la caserma Cavalli – solo per fare un esempio – avrebbero potuto rispondere alle necessità della vicina facoltà di Economia, già nell’ormai angusta villa Favard e oggi a Novoli. Molte altre opportunità potevano essere colte, se si fosse agito con oculatezza.

L’esempio dei complessi di Santa Verdiana e di Santa Teresa, ex conventi ed ex carceri, reimpiegati qualche decennio fa per accogliervi le aule e i dipartimenti di Architettura, dal punto di vista urbanistico è encomiabile e andrebbe riproposto. Il quartiere ne trae giovamento e la frequentazione della città storica è una quotidiana lezione per gli studenti.

Ma forse vale di più continuare nello spreco delle risorse e degli spazi. Nel caotico consumo di aree ed edifici si creano le occasioni più appetitose per gli investitori-taumaturghi, e il passaggio dal pubblico al privato appare ineluttabile.

C’è, infine, un ultimo aspetto. Allontanare docenti e studenti, archivi, biblioteche, aule, corrisponde a indebolire la voce dell’università, il suo apporto culturale alla città, vitale e (talvolta) critico.

Ilaria Agostini

 

 

 

 

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Ilaria Agostini

Ilaria Agostini, urbanista, insegna all'Università di Bologna. Fa parte del Gruppo urbanistica perUnaltracittà. Ha curato i libri collettivi Urbanistica resistente nella Firenze neoliberista: perUnaltracittà 2004-2014 e Firenze fabbrica del turismo.

5 risposte

  1. Roberto Renzoni ha detto:

    Brava Ilaria, secondo il tuo solito. Ti segnalo – ma già certamente lo conosci – il complesso mediceo di Motelupo, sede ora dismessa dell’ ex manicomio criminale che visitai anni fa insieme ad un gruppo per andare a far visita a chi era lì ricoverato e curato con psicofarmaci e annessi come d’uso. la villa, circondata da un parco e giardino è vuota da almeno cinque anni. Non lontano da lì è in atto una speculazione edilizia con la costruzione di oltre 100 appartamenti al posto di una ex fabbica dismessa ed abbattuta. Se vuoi venire a vedere…..

    • Ilaria Agostini ha detto:

      Grazie Roberto. Certo! Tornerei volentieri a Montelupo, è da qualche anno che non ci passo. Potrebbe essere l’occasione per mettere in piedi una deriva urbana…
      Ilaria

  2. Roberto Renzoni ha detto:

    Beh, perché non vederci? Oltre a quanto ho accennato vi è anche nei pressi il doppio capolavoro del Rossi presidente che mi pare – a quanto visto ieri – in revisione o distruzione, il che dimostra la sua completa inutilità o stupidità che dir si voglia dalla ipotesi iniziale: aiutare l’Arno che può esondare senza frapporre tra l’esondazione un argine da ricostruire ma progettando vasche di contenimento che allo stato iniziale contengono alberi ed arbusti.

  3. Pasquale ha detto:

    …e magari, fra altri 30 anni, qualcuno indagherà su queste strutture fatiscenti contriuite in mezzo al nulla, su chi ci ha guadagnato, mentre il prossimo sindaco di Firenze si chiederà come amministrare il villaggio turistico che gli hanno lasciato; una sequela di alberghi e punti ristoro come La Città incantata di Miyazaki, con la stessa cupidigia, uguale brama d’oro, ma senza la poesia, e alla fine si resta tutti maiali.

    • Ornella De Zordo ha detto:

      Vero, Pasquale! Bello il riferimento a Miyazaki. E ai pochi superstiti ci vorrà un bel coraggio (come alla bambina de La città incantata).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *