A Firenze i giardini alla Carraia diventeranno l’ennesimo museo a pagamento?

Dopo un’estate infuocata dalle temperature e dalle ordinanze nardelliane, ecco che esce allo scoperto un nuovo angolo di città da mettere a profitto: i giardini della Carraia.

Chi a Firenze ci abita o ci ha studiato li conosce bene per la loro posizione strategica appena fuori le mura, ma abbastanza nascosta da non far transitare orde di turisti durante il giorno. Uno spazio verde che ha ospitato da sempre famiglie e bambini per una giornata di gioco o per un compleanno, ragazzi e ragazze per una grigliata o per una partita a calcetto. E quante forche da scuola sono finite in quel prato lontano dagli occhi indiscreti di professori e genitori. Un insieme di emozioni e vitalità che ha dato a quel luogo un sapore magico e allo stesso tempo familiare, tanto da accogliere sempre chiunque voglia passare qualche ora di relax o di gioco.

Ma veniamo alla novità targata Publiacqua e approvata dal Comune: una “riqualificazione” in nome del profitto e del turismo. La vecchia cisterna, costruita per Firenze Capitale, verrà aperta al pubblico e il pratone all’ingresso diventerà un giardino “all’italiana” (sarà a pagamento?). Sarebbe un regalo per chi vuole lucrare sugli ultimi spazi liberi rimasti nel centro storico e l’ennesima speculazione su uno dei pochi spazi verdi del quartiere.

Publiacqua, piuttosto che abbassare il costo delle bollette, decide di fare il mecenate di turno e attraverso l’Art Bonus rimettere le mani su questa parte di città, aprendo un altro museo al posto di giardini pubblici. “Una grande operazione pubblico-privato” dice il nostro sindaco, che continua nella sua opera di svendita di patrimoni pubblici e nella sua trasformazione (in peggio) della città.

E il giardino con i giochi dei bambini dove finiranno? Ancora non si sa, forse verranno spostati nella parte superiore ma ancora non c’è nulla di definito. L’unico progetto è quello che porta soldi, i giochi dei bambini possono aspettare (tanto che fretta c’è?! Si parla di bambini, mica di turisti paganti).

Alcuni abitanti della zona si sono già fatti sentire e altri hanno scoperto da poco la cattiva notizia e hanno paura di perdere l’ennesimo giardino vicino a casa e di non poter più usufruire di uno spazio pubblico amato e rispettato.

Dopo la privatizzazione di tutte le sponde dell’Arno e la conseguente chiusura di spazi verdi fruibili a tutta la cittadinanza per far posto a baretti e locali, questa operazione va a distruggere uno dei pochi giardini liberi rimasti nel centro storico di Firenze. Un affronto in primis per abitanti e famiglie, ma che va a colpire tutti e tutte coloro che hanno usufruito liberamente di questi spazi e della loro bellezza.

Vanni Bardazzi

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Vanni Bardazzi

Sono nato e vivo a Firenze dal 1992. Laureato in studi geografici e antropologici e attivista dei collettivi studenteschi. Adesso lavoratore precario e aspirante professore di geografia. Mi appassiona la storia di Firenze e i suoi cambiamenti avvenuti negli anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *