Parco di San Salvi, tra richiesta di ordine e speculazione immobiliare

  • Tempo di lettura:4minuti
image_pdfimage_print

In questi ultimi giorni il dibattito sul destino del Parco di San Salvi è tornato di grande attualità, soprattutto in chiave securitaria. La proprietà e alcuni cittadini, denunciando lo stato di incuria dell’area, di cui sono responsabili unici Regione – Asl – Comune, fanno riaffiorare le proposte di lottizzare per residenze private, se non addirittura per strutture turistico ricettive ad esse assimilate, i padiglioni più pregiati del complesso di San Salvi.

In un articolo apparso sulla Nazione il 6 ottobre il direttore dell’ASL, Paolo Morello, annuncia la decisione di chiudere di fatto ai cittadini l’area di San Salvi, tranne che per coloro che lavorano e studiano al suo interno, che saranno ammessi dopo debita “identificazione” ai cancelli da parte di nuovi vigilanti. Ciò varrà anche per i bambini e le loro mamme diretti alla scuola elementare “A. Del Sarto”, che “dovranno qualificarsi” per varcare il cancello di ingresso.

Il Parco di San Salvi in una foto aerea degli anni Venti
Il Parco di San Salvi in una foto aerea degli anni Venti

Per giustificare questa “serrata” si evocano ragioni di ordine pubblico e di tutela, le quali, se effettivamente comprovate, possono al massimo giustificare una sorveglianza più accurata su casi anomali e sospetti che possono verificarsi nel perimetro di San Salvi, ma non certo legittimano l’interdizione del parco ai cittadini, certamente incolpevoli del degrado (cattiva manutenzione e abbandono) che caratterizza questo grande e prezioso polmone verde, causato piuttosto dall’inerzia pluridecennale delle istituzioni preposte. Un parco storico che il Piano Strutturale del Comune di Firenze destina a parco pubblico del Quartiere 2, e che, come tale, dovrebbe essere fruibile in ogni momento della giornata da parte di tutti i cittadini. La chiusura di San Salvi, a nostro avviso illegittima, viene invece motivata da Morello al fine di “qualificare e rivitalizzare” quest’area “che abbiamo deciso di non vendere”.

Il fatto paradossale e incredibile di questa affermazione è che viene prontamente smentita dal medesimo direttore generale, che sconfessa se stesso in un articolo sempre del 6 ottobre, questa volta sulle colonne del Corriere Fiorentino, dove (malgrado tutte le smentite uscite nei giornali nei mesi recenti) si annuncia la vendita di due padiglioni interni al complesso monumentale e del grande edificio di “villa Panico”, come in parte previsto dal contestatissimo Piano Urbanistico Esecutivo approvato nel 2007.

Due giorni dopo, l’8 ottobre, dalle colonne di Repubblica, i vari soggetti provano a mettere ordine nel bailamme creato confermando la vendita dei padiglioni destinati a residenza, anche tramite l’onnipresente Cassa Depositi e Prestiti o i salvifici (di se stessi) Fondi privati internazionali, contraddicendo anche le recenti proposte scaturite dal Processo Partecipativo su San Salvi.

Un sospetto emerge, e cioè che tutto questa voglia di vigilanti e sbarre abbassate possa servire a confortare gli eventuali acquirenti, che a San Salvi non si scherza, le istituzioni sono presenti e che i futuri acquirenti della classe medio alta possono guardare con serenità il futuro. Governo dell’ordine pubblico in funzione speculativa!

A dir la verità ci saremmo aspettati ben altro dalle istituzioni che dovrebbero rappresentare l’interesse dei cittadini.

Il nostro Comitato propone, con procedura d’urgenza, di elaborare e pubblicizzare un “Piano straordinario di recupero ambientale e urbanistico” dell’area che si fondi su alcune opzioni non negoziabili:

  • mantenimento della proprietà pubblica di tutta l’area di San Salvi;
  • le residenze annunciate non devono avere carattere speculativo ed esclusivo, ma è necessario prevedere forme di residenza sociale (vedi le numerose tesi di Architettura): cohousing, residenze temporanee, residenze per giovani coppie, autorecupero, ossia interventi a basso costo e in grado di alleggerire la domanda emergenziale di residenze;
  • convocazione di una conferenza allargata dei soggetti istituzionali e non, per definire le priorità dell’azione di rinascita dell’area e contemporanea elaborazione del Piano Straordinario di Recupero e conseguente avvio dei lavori di riordino dell’area con gli obiettivi di conservare la memoria dell’ex manicomio, valorizzare la vocazione collettiva e sociale dell’area, salvaguardarne il valore squisitamente ambientale.

San Salvi deve diventare una priorità, sin da subito l’area deve essere resa agibile e ben curata, va ripulita e il verde deve avere l’attenzione necessaria, non abbiamo bisogno di guardie giurate ma di personale strutturato all’interno di un “progetto di cura permanente del Parco”, per permettere ai cittadini di frequentare e riappropriarsi di questo straordinario polmone di verde e di quiete urbana.

*Comitato San Salvi chi può

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *