10 settembre inaugurazione nuova casa del Presidio No Inc-No Aero

  • Tempo di lettura:3minuti
image_pdfimage_print

Sabato 10 settembre 2022 dalle ore 12 via dell’Osmannoro Sesto F.no

Il presidio e la convenzione con il Comune di Sesto Fiorentino per l’uso civico e collettivo della piana rappresentano da anni strumenti concreti di partecipazione attiva degli abitanti che vogliono lottare per il diritto alla salute, per la cura e la tutela del territorio, in opposizione all’aeroporto, a qualsiasi forma di nocività, di incenerimento/combustione/gassificazione dei rifiuti.

Dopo le sentenze del TAR Toscana e del Consiglio di Stato, che hanno bloccato il progetto di pista parallela di 2400 metri, non solo confermiamo la netta contrarietà a qualsiasi variante di nuovo aeroporto (pista di 2200 mt, obliqua etc), ancora riproposta da chi non si arrende per evidenti interessi economici di fronte alla realtà già satura e inquinata della Piana, ma riteniamo urgente e necessario ridimensionare – mettere sotto tutela l’attuale scalo di Peretola, da tempo incompatibile con la vita delle popolazioni circostanti. In alternativa proponiamo di dare vita al Parco Agro-Ecologico della Piana e di migliorare i collegamenti ferroviari con l’aeroporto di Pisa.

Più di 20 anni di lotte popolari, di ricerche e di esperienze virtuose hanno imposto finalmente la cancellazione dal Piano Rifiuti Regionale degli inceneritori di Greve in Chianti e di Case Passerini, la chiusura di quello di Selvapiana. Ovviamente la lotta continua per applicare in modo diffuso e coerente la Strategia Rifiuti Zero (differenziazione, riduzione, riutilizzo-riciclaggio degli scarti), unico vero antidoto all’incenerimento dei rifiuti (chiusura dei 4 inceneritori ancora attivi) ed alla riproposizione di pericolosi impianti per la combustione di rifiuti urbani e industriali (rigassificatori):

per questo sabato 3 settembre 22 ore 9-13 in piazza Duomo a Firenze davanti alla Giunta Regionale presidio-lezione in piazza per un Piano di Gestione dei Rifiuti e delle Bonifiche, elaborato e promosso dal Movimento Regionale verso rifiuti zero https://fb.me/e/3sMjbp5M2.

Il Parco della Piana, progetto da definire con maggiore chiarezza, rappresenta un elemento portante per un diverso assetto di tutto il territorio, per creare nuova occupazione stabile, sicura e garantita, basata sui diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, finalizzata ad una reale conversione ecologica dell’economia mai legata a produzioni di guerra, contro la precarietà, gli infortuni, le nocività e le delocalizzazioni, come alla GKN, per ripensare la mobilità pubblica in alternativa alla costruzione di opere inutili e dannose come i Tunnel Tav sotto Firenze che sperperano in modo scandaloso il denaro pubblico, necessario per altre urgenti necessità sociali.

L’emergenza climatica, la necessità di opporci alla guerra ed alle crescenti diseguaglianze ci richiamano a scelte chiare e radicali ora e subito per dare una prospettiva a tutta l’umanità ed al pianeta.

E’ questo il senso del nostro impegno e dell’importante evento di Venezia del 10 settembre, con cui ci collegheremo durante la inaugurazione del Presidio.

Partecipiamo!

https://fb.me/e/flwEp9YCs

Presidio NO Inc – NO Aero


Also published on Medium.

The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *