Peretola strozzata dal nuovo svincolo autostradale, ecco il progetto

6 Risposte

  1. Avatar Roberto Marcelli ha detto:

    Tuttavia serve una sistemazione reale dello svincolo di fine autostrada, dell’aeroporto non c’è nessuna necessità, meglio Pisa, con quanto ne consegue.

    • Antonio Fiorentino Antonio Fiorentino ha detto:

      Indubbiamente. L’attuale insostenibile situazione è il risultato dell’assenza di una pianificazione complessiva dell’area a Nord Ovest di Firenze. Come sappiamo si è proceduto per espedienti, per interventi parziali, con aborti di “piani” proposti al solo fine di trarre il maggior profitto da quest’area. Non si è mai voluto affrontare il tema della riqualificazione delle periferie della città, non si è mai voluto affrontare in termini evolutivi la relazione tra Firenze e la Piana. Solo sciogliendo questi nodi sarà possibile dipanare l’attuale groviglio di flussi di traffico e riorganizzare la mobilità pubblica, privata e ciclopedonale dell’area.

  2. Avatar Natalino ha detto:

    Finalmente si parla del grande scempio che si continua a fare di questa parte di Firenze.
    Parte della citta ‘abbandonata dal Comune ,lasciata preda di caotiche e inquinanti iniziative ,prese su un territorio già provato.
    Come si suol dire grucciate agli storpi.
    L’ipocrisia e l’assenza di chi dovrebbe tutelare è oscena ,le poche considerazioni a riguardo non sono altro che false promesse .

  3. Avatar Ema ha detto:

    Sinceramente credo che il progetto vada realizzato assolutamente, e non bloccato… Sono d’accordo nel portare modifiche per salvaguardare la vivibilità il più possibile, ma stiamo parlando di una zona in cui ci sono un aeroporto e uno svincolo autostradale importante… Non blocchiamo tutto per una pista ciclabile… O peggio per un laghetto con 4 papere come nel caso della pista dell’aeroporto…

  4. Avatar Alessandro ha detto:

    qualcosa in zona va fatto. non so se esattamente questo ma poco diverso. qui di fondamentale ci sono la realizzazione degli svincoli del viadotto all’indiano e l’eliminazione del semaforo dell’aeroporto. lavoro nella zona ovest da fine anni 90 e sono costretto a girare attorno al malefico anello ogni giorno come una moltitudine indipendentemente da dove arrivi. è sufficiente una bazzecola in qualsiasi direzione per bloccare tutto l’anello intorno a cui tutti devono sempre girare. a fine luglio ci sono stati dei lavori sul viadotto del metano e di nuovo ore perse.

  5. Redazione Redazione ha detto:

    Avvertiamo il signor XXXXX, che i suoi commenti a questo articolo restano bloccati perché offensivi. Se ne faccia una ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *