Sempre poveri…

Sempre poveri

C’è un ragionamento ricorrente negli ultimi tempi che risuona tra le mura della cucina di casa mia espresso mirabilmente da mia madre quasi ottantenne:
“ma…non ci si ricorda di come eravamo noi neanche un secolo fa?? Possibile che gli anziani come me non dicano nulla e adesso alcuni pensino che siamo tutti nati in abiti di stilisti famosi, con la macchina sotto al sedere per andare a giocare in borsa?? Eppure eravamo messi male, ma parecchio male…”
migranti
“..Lo Stato è un lupo di pietra,
non morde perché non ha denti,
ma rimane il lupo..
E le povere pecorelle meridionali
con problemi di cibo senza pastore
ne hanno paura..
Le stelle della Legge
non possono proteggere le stalle..”

Sempe povere nui simme stète
Dinta ‘sta lote a’mmo sempre a patète
Questa lote è ‘nu brutto capute
pe nui poveretti la vita è fenuta..

Chi sta bbono nun crede a l’ammalèto
Chi sta sazio nun crede a l’affamèto
[x2]

Scancellètece dalla società
pe nui poveretti pietà nun ce ne sta
C’è sta ‘nu detto tanto antico:
“Magnete la scorcia, sparagna la mollica”

La mollica te la magne staséra
e al lume de candela
e poi te vai a cuccà’

Matteo Salvatore
“Sempre poveri”

Si partiva, si partiva…eccome se si partiva. Non si andava via però solo dal sud, anche dal centro. E dal nord! Eh sí…il grande Nord sviluppato…dal sud al nord, dal nord in…AFRICA!

Lombardi in Africa

Poche parole, questa volta.
Guardando quei poveri corpi senza vita in balia delle onde del mare siciliano o stipati sul fondo, dentro una carcassa di una sottospecie di barca, affondata, un relitto-bara.
O ancora con le povere ossa affaticate negli androni delle nostre stazioni, ammassati al confine, arrampicati sugli scogli.
Mia madre dice, scuotendo la testa:  “ma davvero…DAVVERO non ci si ricorda come eravamo noi…? Povere creaturine: che vergogna…”.

Guardiamoci, allora, come eravamo attraverso gli occhi di un poeta calabrese, Franco Costabile, un racconto che parla di altri arrivi, altre partenze…

Canto dei nuovi emigranti

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.
Francesca Breschi, cantante, attrice, ricercatrice e didatta, è dal 1990 componente il Quartetto Vocale di Giovanna Marini. Ha collaborato, tra gli altri, con Nicola Piovani, David Riondino, Emilio Isgrò, Elio De Capitani, Francesco De Gregori, Mario Brunello, Marco Paolini e Vinicio Capossela. Si dedica allo studio, all’insegnamento e all’elaborazione di vari generi ed epoche musicali, con particolare interesse per i repertori della tradizione orale italiana. Attivista della lista perUnaltracittà. Il suo sito internet

Ultimi post di Francesca Breschi (vedi tutti)

Una risposta

  1. DA marco chiavistrelli @marco_corvo
    A @CGavinana via twitter
    http://m.youtube.com/watch?v=EK-BhJaVzE8 … LA BALLATA DEL MIGRANTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *