Cosa sta succedendo in Egitto?

L’efferato omicidio del giovane ricercatore Giulio Regeni ha tristemente portato alla ribalta del grande pubblico il grado di violenza statale che caratterizza l’Egitto oggi.

Lontano da essere un semplice strumento di efferatezza utilizzato dal regime per mantenersi in sella, l’altissimo livello di repressione è l’ingrediente cruciale per comprimere la vitalità del movimento operaio egiziano ed assicurare ingenti utili al capitale nazionale e straniero.

Con questa iniziativa intendiamo così non solo ripercorrere le tappe che hanno portato all’affermarsi di un movimento di lavoratori estremamente militante, ma anche chiarire il ruolo che questo ha giocato nella caduta di Hosni Mubarak nel 2011. Non solo però, perché il nostro principale scopo sarà provare a comprendere la parabola del movimento rivoluzionario egiziano.

La straordinaria irruzione delle masse sulla scena politica ha infatti aperto una lunga fase di transizione che la sinistra egiziana non ha saputo sfruttare per trasformare “una rivoluzione politica con un’anima sociale” in un regolamento di conti tout court con la classe dominante. Per quali ragioni? Quali sono stati i limiti di quest’azione rivoluzionaria? Il colpo di stato del 3 luglio 2013 guidato dal generale al-Sisi contro il primo presidente eletto nella storia egiziana, Mohamed Morsi, ha poi aperto la lunga notte della controrivoluzione.

Nel completo disorientamento di molte organizzazioni politiche che avevano giocato un ruolo cruciale nel coalizzare le forze anti-regime negli anni passati, il movimento operaio egiziano continua a mostrare oggi – nonostante la straordinaria repressione di cui è vittima – una grande forza e capacità mobilitativa.

Siamo forse alla porte di un nuova ondata di scioperi che può mettere alle corde il regime di al-Sisi?

volantino

Venerdi 11 marzo, ore 19 aperitivo,
ore 20:30 discussione con
testimonianze da
Il Cairo

Organizzano

Cortocircuito  perUnaltracittà
Marxpedia

Presso la Polveriera  via S.Reparata 12

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa l\'articolo
The following two tabs change content below.
Gianni Del Panta

Gianni Del Panta

Gianni Dal Panta, studioso e attivista politico, è autore di "L'Egitto tra rivoluzione e controrivoluzione. Da piazza Tahrir al colpo di stato di una borghesia in armi" (Il Mulino, 2019).

2 risposte

  1. Avatar Mario ha detto:

    E pensare che l’Egitto e’ considerato lo stato piu’ “moderato” di quella zona calda!
    Va a finire che ora il piu’ moderato in quella zona sara’ rimasto solo Israele….?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *