Cultura e turismo: l’arte ​asservita al​ mercato

2 Risposte

  1. Avatar Roberto Renzoni ha detto:

    Signora FALLETTI, avevo già ascoltato il suo intervento registrato e ci torno ora per un breve appunto che riguarda l’architettura contemporanea.
    Non è vero che “il contemporaneo è stato bandito” e che dopo “la stazione di Santa Maria Novella a Firenze non è stato costruito nulla di rilevante a aggiornato.” A livello architettonico ci sono le opere di Detti nei pressi di piazza Savonarola ed all’Isolotto e quelle di Ricci e Savioli a Sorgane, per la via che porta al cimitero di Soffiano, oltre che il ponte sull’Arno in prossimità Anconella. E’ solo un accenno, le conosce queste opere? Vuol venire a vederle con me?
    Per il resto il suo è un ottimo articolo e per me Michelucci a Firenze non vale nulla….. La saluto, Roberto

    • Ornella De Zordo Ornella De Zordo ha detto:

      riceviamo da Franca Falletti questa risposta al commento:
      “Gent. Sig. Roberto, io intendevo dire nulla a rilevanza internazionale. Credo che Firenze, accanto a Leon Battista Alberti, a Brunelleschi e a Michelangelo, meriterebbe oggi dello opere contemporanee di pari livello. Naturalmente questa è la mia opinione e accetto ben volentieri la sua che diverge, con tutto il dovuto rispetto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *