La Stazione come Trump

  • Tempo di lettura:1minuto
image_pdfimage_print

Prima hanno riempito il posto di divise.

Poi hanno alzato muri e palizzate.

Infine hanno privatizzato e spettacolarizzato tutto quanto.

Se è vero che non comandano più i politici ma le compagnie, Trump è una compagnia, ma anche le Stazioni lo sono e si comportano esattamente come lui.

Sappiamo che il miliardario populista non si scomporrà per le nostre parole ammesso che gli arrivino da un consolato, mentre se ne risentiranno le Grandi Stazioni: l’Italia è sempre stato il terreno di caccia di quelli che si credono i migliori solo perché non sono i peggiori, da Bruto a Badoglio.

Prima hanno schierato divise di ogni sorta a difesa di non si sa quali interessi, poi hanno cacciato i questuanti, i passanti e insomma tutti quelli che non li facevano guadagnare abbastanza con transenne, reti metalliche, tornelli.

Nel frattempo cancellavano servizi e sale sostituendoli con club riservati e riservatissimi.

Sciupavano alcuni gioielli dell’architettura italiana con tendoni e dehors inguardabili, infine hanno chiuso tutto e ci hanno organizzato le loro feste.

Proprio così, stasera non si entra in stazione, c’è il ballo!

Occorre l’invito e quello è riservato, se proprio ci tieni a guardare in faccia chi si è preso tutto lasciandoti niente chiedi a Trump, lui può fartelo avere.

*Marco Donati e Massimo De Micco

The following two tabs change content below.

Massimo De Micco

Massimo de Micco, 1972, fiorentino, essendo cresciuto negli anni Ottanta e Novanta si ritrova una formazione psicologica, una partita iva e una ricca e variegata esperienza professionale nel campo della formazione, ma è anche illustratore,fumettista e cartoonist. Ha partecipato a iniziative culturali, sociali e politiche di varia natura, a condizione che fossero libere, solidali e auto-organizzate, dagli Studenti di Sinistra a Kykeion, da Violetta van Gogh a Black Notes, da Fuoribinario a Radio Cora. E' tra i fondatori del gruppo Palazzuolo Strada Aperta che ha dato vita in questi anni alla Book Bike e si appresta ad aprire a Firenze la Biblioteca Riccardo Torregiani.

Ultimi post di Massimo De Micco (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *