Verso il 2020: la libertà digitale

Di internet circola ancora l’immagine di uno strumento che di fatto doveva allargare la libertà e la democrazia nel mondo. Era il primo media ad accesso pubblico: tutti potevano intervenire ed esprimere la propria opinione e lo potevano fare gratis. Si trattava del primo media bidirezionale.

Le cose si sono dimostrate essere abbastanza diverse e lo attestano anche numerosi articoli comparsi su questa testata.

Vediamo come sono andate le cose nel 2019, tenendo anche presente che da quella che era ormai considerata una società di sorveglianza e controllo si è passati alla manipolazione e alla persecuzione di ogni comportamento “fuori dal comune”.

L’uso della rete in questi termini già documentato per le elezioni americane del 2016 si è replicato nel 2018 in Brasile contribuendo alla vittoria di Jair Bolsonaro alle elezioni presidenziali.

Alcuni rapporti delle agenzie e delle organizzazioni che monitorano questi fenomeni, oltre a quello che abbiamo già documentato qui, riportano per il 2019:

· Campagne organizzate di manipolazione dei social media che hanno avuto luogo in 70 paesi, rispetto a 48 paesi nel 2018

· I social media sono stati cooptati da molti regimi autoritari

· Facebook e Twitter hanno attribuito operazioni di influenza straniera a sette paesi (Cina, India, Iran, Pakistan, Russia, Arabia Saudita e Venezuela) che hanno utilizzato queste piattaforme per influenzare il pubblico globale.

· In 56 paesi, hanno trovato prove di campagne di propaganda computazionale organizzate su Facebook

Sulla videosorveglianza a Firenze abbiamo detto qui, e qui

Poi ci sono i Gadget infernali. Prendi il telefono, dici: ok Google e puoi proseguire chiedendo di contattare Tizio, di mandare un messaggio a Caio o di portarti nel posto tal dei tali usando il navigatore satellitare. Ogni telefono ha un microfono e un altoparlante. Ci si può dialogare, ottimo, ma se il microfono fosse sempre acceso? Il sistema e le app ti chiedono il permesso di avere accesso al microfono e alla fotocamera perché sono accessibili da remoto, allora…

Con un telefono che è sempre in rete potresti comandare i dispositivi collegati alla rete: le luci di casa, il riscaldamento, la musica, la televisione, ma il telefono dovrebbe stare a casa. Ecco gli speaker intelligenti. Google Home o Amazon Echo e per poche decine di euro ti porti a casa un controllo per la domotica che ubbidirà a ogni tuo ordine. Per fare questo il microfono dovrà rimanere sempre accesso e ascoltare tutto quello che avviene in una casa, anche i vostri ospiti. Se lo spegnete, allora non serve a niente.

Tramite i satelliti è stato possibile mappare tutto il mondo, ma non l’interno delle case. Che fa un robot per le pulizie, percorrendo tutti i pavimenti e mappando tutti gli interni?

Ma la AI non è ancora così intelligente. Tramite le videocamere dei computer e dei telefoni possono guardare ovunque ma avranno sempre una visione bidimensionale del mondo che non è così performante come la visione stereo degli umani. Ecco spiegato il perché negli ultimi telefoni la fotocamera è doppia se non tripla… non così tremendamente utile per noi, ma… coming soon e Buon 2020.

forse vuol dire che hai apprezzato il nostro modo di fare giornalismo.

Come sai la La Città invisibile è una rivista del tutto gratuita. Nessuno è costretto a pagare per informarsi in maniera libera e indipendente e contribuire così a diffondere una visione critica dei danni delle politiche liberiste.

Se ti piace quello che scriviamo sostieni le attività del laboratorio politico perUnaltracittà condividendo i contenuti che riterrai opportuno sui tuoi social e magari con un piccolo contributo: scopri qui come fare.

Grazie per averci letto, e buon tutto!

la redazione de La Città invisibile

Stampa il testo
The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *