Autore: Massimo De Micco

La colonna infame

senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole senza parole Leggi tutto

…e i viali odorati ed i cipressi

Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non credea-Io non Leggi tutto

I sorveglianti

Prequel si posizionò davanti al tornello e stranamente lo fecero accedere alla banchina del tram.
Solitamente doveva tentare il riconoscimento facciale due o tre volte e rischiava di restare a piedi, perché il riconoscimento facciale degli abbonati funziona come un … Leggi tutto

Il pesce in barile. Il Natale di Prequel

Prequel si teneva impegnato con gli addobbi natalizi. Arrangiò un presepe con vecchi raccoglitori e cartastraccia a sagomare montagne ossute. Raffazzonò intorno a una capanna un qualche steccato pieno di pecore. Traguardò l’albero con un sestante improvvisato per accertarsi che … Leggi tutto

Il cinghiale in giardino

Il tram si lanciò in campo aperto alla volta dell’ultima stazione, intitolata a un politico, un socialista di cui si ricordavano in pochi, forse perché non era mai stato arrestato. Gli argini del torrente a destra e il muro a … Leggi tutto

Cinoir, un racconto

L’ispettore Prequel fu svegliato nel cuore della notte dalla solita telefonata. La faceva Redford verso la fine del film. Ogni volta si ostinava a mettere un vhs prima di addormentarsi e ogni volta si addormentava a metà cassetta.

Quando il … Leggi tutto

Nascono i fiori

L’associazione tra edilizia popolare e palazzi di lusso era già stata fatta da Tom Wolfe, irriverente tuttologo che sbeffeggiava il Moderno Internazionale in “maledetti architetti” dopo essersela presa in altri scritti con i radical chic che popolavano quegli edifici.

Equiparazione … Leggi tutto

La casa non è il mondo

Siamo una società di hikikomori che vivono chiusi in casa.
La conferma non va cercata nelle statistiche degli psichiatri, ma sulle pagine politiche de quotidiani.
Il linguaggio dei leghisti al governo è pieno di espressioni come “mandare a casa”, “rimandare … Leggi tutto

Il gioiellino

E fu sera e fu mattina…

Non pioveva sulla città da dieci notti.
L’ultima volta le auto si erano accese al mattino velate ad uno strato di argilla o sabbia.
Qualcuna era stata ripulita alla buona dove occorreva visibilità (parabrezza … Leggi tutto