É uscito il #28 de La Città invisibile

  • Tempo di lettura:1minuto
image_pdfimage_print

Con il numero #28 de La Città invisibile si inaugura una rubrica dedicata alle “Nuove destre”. Abbiamo pensato che poteva essere utile, visti i tempi che corrono, mettere a fuoco in che modo e con quali strategie comunicative si muove la destra radicale. Lo faremo girando per l’Europa, esplorando il mondo dei partiti e quello dei movimenti, le tifoserie calcistiche, il web e tutti quegli ambienti in cui, in modo più o meno visibile, l’estrema destra trova appiglio e si radica. Tenteremo soprattutto di comprendere come l’ibridazione dei simboli, delle parole d’ordine e delle pratiche di azione costituisca un potente mezzo di reclutamento di simpatizzanti e aderenti.

In questo numero troverete, come sempre, molti argomenti raccontati direttamente dai protagonisti delle vertenze e delle lotte in atto, in un intreccio – a cui teniamo molto – di argomenti diversi che porteranno, ci auguriamo, a interessare chi legge anche a temi non familiari.

Perché crediamo che il mondo del lavoro, l’ambiente, i diritti delle persone siano aspetti collegati tra loro e stiano all’interno di un unico orizzonte. Dove, eliminando ogni superflua complicazione, la scelta di fondo è sempre la stessa: lavorare per il profitto di pochi o per il benessere di molti? Noi non abbiamo dubbi da che parte stare.

The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Ultimi post di Redazione (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *