Amianto: la Regione costretta al monitoraggio, altro successo per la Campagna

L’Autority intanto tutela i profitti dei soci e vuole che a pagare per l’eliminazione dei tubi siano i cittadini con la bolletta. Dopo esser stati costretti ad affrontare il tema della rete idrica inquinata dalla fibra cancerogena dell’amianto la Regione Toscana e l’Autorità Idrica Toscana hanno annunciato oggi di voler definire un Piano di Monitoraggio delle tubature inquinate presenti nella Continua a leggere

Il decalogo No Amianto Publiacqua

1) I tumori all’apparato digerente derivano anche dall’ingestione di fibre di amianto presenti in acqua contaminata. Lo stabilisce la risoluzione del Parlamento europeo del marzo 2013 “Sulle minacce per la salute sul luogo di lavoro legate all’amianto e le prospettive di eliminazione di tutto l’amianto esistente (2012/2065(INI)). 2) Nel 2005 viene pubblicata sulla rivista scientifica Cancer causes and control (ed. Springer) la Continua a leggere

perUnaltracittà per i Nidiaci. Il 10 gennaio in piazza con chi vive il centro storico

Nella vicenda della ludoteca di via della Chiesa e del giardino dei Nidiaci ancora una volta l’amministrazione comunale tradisce il rapporto con la cittadinanza organizzata in difesa dei beni comuni. Per questo perUnaltracittà aderirà alla manifestazione organizzata il 10 gennaio da chi vive e lavora nei quartieri di San Frediano e Santo Spirito. La giunta comunale ha desolatamente deluso le Continua a leggere

No Amianto a quota 1500 firme. Genitori in rivolta contro le istituzioni

amianto_nei_tubi

1500 firme raccolte in 10 giorni per la petizione “No Amianto Publiacqua” che esige l’eliminazione dei 225 chilometri di pericolosi tubi in amianto della rete idrica tra Firenze, Prato, Pistoia e il Medio Valdarno. Decolla così la campagna promossa da 23 realtà impegnate nella Piana in difesa della salute dei cittadini. Tra i primi firmatari anche il cantante Piero Pelù Continua a leggere

La malattia delle Grandi opere

olimpiadimanette

Pubblichiamo con piacere questo articolo dell’urbanista romano Paolo Berdini che più volte è intervenuto agli appuntamenti fiorentini di perUnaltracittà. È una riflessione su quella che lui definisce “la malattia delle Grandi opere” e che purtroppo riguarda anche la nostra città Lo scandalo non è solo quel “milione di metri cubi in aperta cam­pa­gna rega­lati a James Pal­lotta con la scusa del Continua a leggere

Le periferie raccontate dagli imprenditori della paura

lavavetri

La lunga stagione dei sindaci sceriffo – a ben vedere mai davvero chiusa – ha lasciato segni indelebili nel modo di raccontare le periferie e tutto ciò che sfugge al modello idealizzato del centro cittadino, un’entità immaginaria costruita attorno alla triade commercio – pulizia – polizia. Comuni d’ogni colore politico hanno emesso ordinanze per vietare, impedire, ostacolare comportamenti e condotte Continua a leggere

Il caso del quartiere “PL1” a Sesto Fiorentino

agatagioca

Periferie abbandonate, degradate e senza servizi. Non è una storia degli anni ’60 ma la realtà di oggi nel nostro quartiere di Sesto Fiorentino ubicato lungo Viale Pasolini, proprio di fronte al Centro Commerciale UNICOOP denominato “PL1”. Il piano urbanistico prevedeva l’edificazione di alloggi residenziali oltre a negozi e servizi, ma poi la crisi di questi anni ha bloccato tutto. Continua a leggere

Passaggio a Nord-Ovest: Le Piagge

panchina

La parola ‘periferie’ oggi pare inflazionata. Dai fatti di Tor Sapienza ne vogliono parlare tutti. Gli amministratori dichiarano di andare in periferia un giorno sì e l’altro pure, di conoscerne a fondo i problemi, di volersi fare promotori del bello e del nuovo per cambiarne il volto con scuole ecosostenibili e biodinamiche, parchi attrezzati e piste ciclabili lungofiume. Gli architetti Continua a leggere

Periferie al centro. Con Fuori Binario

copertina170-

Il giornale Fuori Binario è nato nel giugno 1994 dalla volontà di alcuni ospiti dell’Albergo Popolare e di alcuni operatori che danno vita all’associazione “Periferie al Centro” che ne diviene legalmente promotrice. Esso intende dare voce e visibilità ai problemi concreti delle persone senza fissa dimora a partire da una presa di parola di chi vive questa condizione, parlando direttamente Continua a leggere

Letterina natalizia sulla cultura

babbonatale

Caro Babbo Natale, ti scrivo in questa letterina i miei desideri per la prossima Santa Ricorrenza. Quest’anno innanzitutto vorrei proprio un nuovo Direttore per la Galleria degli Uffizi. Con questo non ci voglio giocare più. E’ vecchio e non ha capito come gira il mondo. Da tanti anni ormai lavora per uno stipendio miserevole e non ha nemmeno rubato. Chiaro Continua a leggere

Se nel quartiere chiude tutto… ancora in silenzio? No!

presidiosanitario

Nel Quartiere 3 stiamo assistendo nel silenzio pressoché totale ad alcuni fatti che a parer nostro devono invece aver la giusta attenzione. Se partiamo dal caso più emblematico non possiamo non riferirci a quell’edificio situato a fine viale Giannotti nella piazza del centro commerciale COOP destinato da anni a “spazio per l’arte contemporanea”: l’EX3. Si sono succedute, di appalto in Continua a leggere

A che gioco si gioca: ludopatia e persone fragili

slotmachines

Nel 2012 in Italia il gioco d’azzardo ha generato un volume d’affari che non è lontano dai 100 miliardi di euro, qualificandoci fra i primi paesi al mondo per volumi e giocatori. Una cifra terrificante. Ancora di più se si considera che siamo in tempi di crisi, e che i giocatori sono per la maggior parte pensionati, casalinghe e studenti, Continua a leggere

È Natale! Ho comprato…

pasolini

In questo 2014 in crisi, luci palline e alberi di Natale sono misteriosamente apparsi con larghissimo anticipo. Soprattutto gli scaffali dei supermercati hanno cominciato a straboccare di panettoni e pandori a tutto spiano, in quantità industriale, quasi come dovessimo rifornire un perenne deposito natalizio in caso di guerra nucleare. Orbene: a parte la normale attesa nell’infanzia, in questi periodi di Continua a leggere

Periferie e frontiere

banlieue

In un recente scritto (1), l’urbanista Giancarlo Paba sottolinea come una delle forme di diseguaglianza che la crisi sta accentuando sia l’ingiusta distribuzione di quel “capitale spaziale” (dalla casa, al quartiere alla città) che costituisce una quota sempre più rilevante della dotazione di diritti, di risorse e di beni necessari per vivere dignitosamente. Questa ingiusta distribuzione disegna una mappa complessa della Continua a leggere

Periferie specchio delle esclusioni sociali

periferia

Le periferie delle nostre città sono identificate come luoghi dell’assenza di qualità, della carenza di servizi, delle disparità sociali. Del “degrado” e dell’insicurezza, categorie su cui la speculazione politica ha puntato molto per lucrare consensi declinandole nell’unica direzione del timore dell’altro e del diverso, nel fomentare guerre tra poveri, per alzare la richiesta di “legge e ordine”. Certo i problemi Continua a leggere

L’attacco ai servizi pubblici – Stop TTIP #7

ttip

ATTENZIONE – 19 Dicembre 2014. Giornata di mobilitazione europea contro il #TTIP Scopriamo attraverso la pubblicazione del saggio di John Hilary il lavorio segreto che chi governa l’Europa (e gli Stati Uniti) sta compiendo per la deregolamentazione di commercio e investimenti a vantaggio dei profitti delle grandi imprese transnazionali e a svantaggio della democrazia e dei nostri diritti, a partire da quelli occupazionali Continua a leggere

Il Polo scientifico è incompatibile con la nuova pista di Peretola

enac-polo

Un contributo dal Polo scientifico Il Polo Scientifico di Sesto Fiorentino e` stato inaugurato nel 2001 e comprende alcuni dipartimenti scientifici (fisica, chimica, biologia in parte) e di agraria (ortofloricultura), nonché i laboratori degli enti di ricerca dell’INFN (fisica nucleare e fondamentale), del CNR (fisica della materia ed applicata, agraria), del CERM (risonanza magnetica) ed del LENS (Laboratorio Europeo di Continua a leggere

Ai lettori e alle lettrici de La Città Invisibile

prime firme

Siamo lieti di annunciarvi che è partita la Campagna “No Amianto Publiacqua” nata dopo la denuncia pubblicata da La Città Invisibile lo scorso ottobre in cui si raccontava l’incredibile vicenda dei 225 chilometri di tubi in amianto all’interno della rete idrica di Publiacqua (qui l’articolo di Ginevra Lombardi). Insieme, oggi, 19 organizzazioni, movimenti, comitati delle province di Firenze, Prato, Pistoia Continua a leggere

Al via la Campagna popolare: “No Amianto Publiacqua”

no-amianto-publiacqua-testata (small)

Una “Grande opera utile e virtuosa” al servizio dei cittadini. E’ con questo spirito che nasce la Campagna “No Amianto Publiacqua” per l’eliminazione dei 225 chilometri di tubature permeate dalla pericolosa fibra gestiti dall’acquedotto che serve Firenze, Prato, Pistoia e Medio Valdarno. Dopo la denuncia pubblicata dalla nostra Città invisibile a lanciarla è proprio una rete di organizzazioni e movimenti – Continua a leggere

Partecipiamo tutti alla mobilitazione antifascista di sabato 6 dicembre

firenzeantifascista

Di fronte al generale peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro provocato da una crisi i cui costi sono fatti ricadere su lavoratori, studenti, precari, e su una crescente parte della popolazione spinta alle soglie della povertà, le varie formazioni neofasciste cercano di lucrare qualche consenso fomentando una guerra fra poveri. In questo stanno coerentemente svolgendo il loro ruolo Continua a leggere