Per una rete contro il Patto Europeo sulle Migrazioni e per la promozione del diritto alla mobilità

  • Tempo di lettura:2minuti

Le violazioni perpetrate a Trieste con le “riammissioni informali”, così come in diversi punti della Rotta Balcanica, tra la Grecia e la Turchia, o nella frontiera dell’enclave marocchina, sono una terribile sperimentazione della nuova proposta di PATTO EUROPEO SULLE MIGRAZIONI presentato dalla Commissione Europea nel 2020 ed ora in discussione tra i Paesi membri. Il Patto contiene proposte di regolamenti, destinati a diventare entro il 2024 atti giuridici vincolanti se approvati.

Particolarmente gravi e pericolose sono le proposte di:

  • Introdurre un meccanismo di screening ai confini esterni dell’Unione per valutare in modo sommario le richieste di asilo, aumentando il peso sui Paesi di primo ingresso
  • Una proposta per far fronte a situazioni di crisi o forza maggiore applicando procedure accelerate e senza garanzie adeguate per le persone;
  • Una revisione dell’attuale “Regolamento Dublino”, che non dà alcuna risposta al problema della mancanza di meccanismi adeguati di solidarietà e di equa distribuzione delle responsabilità tra gli stati della UE.
  • Una riforma del Codice Schengen che di fatto ripristina i controlli alle frontiere interne in modo da renderle selettive solo verso gli stranieri.

Il tentativo è di rendere i confini europei come un “non-luogo” nel quale attuare riammissioni a catena, comprimere ogni forma di garanzia, utilizzare in modo massiccio il trattenimento all’interno del territorio degli Stati, mentre si rafforza l’approccio che prevede sistemi di accoglienza chiusi e ghettizzanti e tutte le vie regolari di ingresso continuano ad essere chiuse.

Per queste ragioni crediamo si debba cambiare profondamente l’impostazione delle politiche migratorie europee, fin qui fallimentari oltre che nocive, e andare verso un sistema di apertura e gestione di flussi di migrazione regolare e di protezione del diritto alla fuga.

Vi invitiamo ad attivarvi con la rete del Forum per Cambiare l’Ordine delle Cose, ognuno con la propria sensibilità e con le proprie competenze.

Tutti insieme sarà possibile rendere la società civile europea consapevole dei gravi rischi di violazione dei “diritti umani “nel cuore dell’Unione Europea.

Per partecipare info@percambiarelordinedellecose.eu

Forum per Cambiare l’Ordine delle Cose

The following two tabs change content below.

Redazione

Il gruppo di redazione della rivista edita da perUnaltracittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha *