L’ Alfabeto perUnaltracittà per ben cominciare il 2017

  • Tempo di lettura:6minuti
image_pdfimage_print

Per iniziare al meglio il 2017 abbiamo deciso di fare il punto su alcuni degli argomenti trattati nel 2016 e che dovremo affrontare anche nel nuovo anno. Un utile memorandum, organizzato in ordine alfabetico, per resistere con consapevolezza ad un Potere sempre più delegittimato e incapace di garantire diritti e garanzie a chi è più debole e fragile – oltre il 90% della popolazione. Che tornino ad essere una priorità rispetto al profitto di una minoranza risibile ma molto influente politicamente.

alfabeto-perunaltracitta-2017Dalla A di Aeroporto alla Z di Zitti scoprirete così il modo di non farvi trovare impreparati al pensiero unico che politica, media e istituzioni – anche a Firenze, anche in Toscana – continueranno a propinarvi indefessamente per convincervi che il vostro benessere passa dalla realizzazione di una grande opera, dal respirare l’aria inquinata, dai tagli alla sanità, alla scuola, alla cultura e alla ricerca, da un lavoro precario pagato con i voucher.

Se non volete far finire la vostra capacità di scelta sotto il controllo sempre più raffinato di multinazionali e governi… informatevi e reagite. Anche nel nuovo anno proveremo ad accompagnarvi con la rivista La Città invisibile e con la tradizionale attività di analisi e critica politica. Da parte vostra aiutateci a compiere un lavoro migliore e utile con le vostre richieste, i vostri dubbi, ma anche con la vostra partecipazione o diventando soci dell’associazione perUnaltracittà. Buon anno!


A come Aeroporto

Il valore e le implicazioni della Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) del nuovo aeroporto di Peretola. Ecco cosa ci aspetta nei prossimi mesi.

B come Brunelleschi

«La sfacciata incongruità urbanistica» della previsione di un parcheggio interrato di due piani, da 190 posti in piazza Brunelleschi a Firenze: il pensiero dei cittadini riuniti nel comitato per piazza Brunelleschi.

C come Carcere

Perché parlare di carcere oggi? Perché il carcere è uno dei grandi temi rimossi non solo dalla politica, ma anche dalla coscienza diffusa. Perché di carcere si parla poco, e soprattutto male.

D come Diritti

Le occupazioni come fonte primaria di garanzia del diritto alla casa. Ma al Potere, primo a negarli, questo non va giù. La cronaca di uno sgombero poliziesco e le storie dei vessati.

E come Egitto

L’efferato omicidio del giovane ricercatore Giulio Regeni ha tristemente portato alla ribalta del grande pubblico il grado di violenza statale che caratterizza l’Egitto, partner commerciale dell’Italia.

F come Fake news

Da una ricerca condotta con interviste a ben 1.762 giornalisti in 14 paesi otto giornalisti italiani su dieci hanno dichiarato di aver subito pressioni politiche ed economiche che possono aver influenzato pesantemente la qualità del loro lavoro. E anche da queste pressioni che nascono le notizie farlocche a cui siamo ormai abituati.

G come Gentrificazione

Le città, le conurbazioni, le aree metropolitane sono agglomerati densi e in continua evoluzione. I soggetti della trasformazione sono innumerevoli e difficilmente riconducibili a schemi prefissati. Centrale dovrebbe essere il ruolo di governo degli organismi elettivi, che però è mortificato.

alfabetoH come Heterosexuality Day

Tanto è già stato scritto e detto sul Fertility Day, la geniale celebrazione della fertilità inventata dal Ministero per la salute. La necessità di rimettere al centro i diritti della donna. 

I come Inceneritore

Il dossier perUnaltracittà, in dieci punti, che smonta la necessità della costruzione del nuovo inceneritore di Firenze. Da qui e dalla feconda mobilitazione sul territorio è necessario ripartire per contrastare l’anacronistica voglia di fare affari sulla pelle dei cittadini che anima le amministrazioni fiorentine.

J come Jobs Act

Un vero e proprio snaturamento totale del diritto costituzionale del lavoro. Ecco l’analisi delle questioni che paiono più rilevanti: la qualità e la durata del contratto a forma “comune”, la quantità e qualità dei contratti a forma diversa da quella “comune”, la quantità della retribuzione.

K come Karl Lagerfeld

Lo scorso anno, in occasione dell’apertura di Pitti Uomo, la Galleria Palatina di Firenze ha ospitato la mostra dello stilista Karl Lagerfeld, accolta dalla stampa con l’atteggiamento di chi vede finalmente sulle pigre sponde dell’Arno il risveglio di una cultura che si è fatta viva e attuale. Ma è proprio così?

L come Ludopatie

Dopo la denuncia della Comunità delle Piagge sulla presenza record di slot e vlt nella periferia ovest della città – una macchinetta ogni 65 abitanti – ecco cinque semplici misure che il sindaco Nardella può attuare da subito. 

M come Mangiare

La storia di una città votata non alla residenza ma alla visita occasionale, non alla produzione durevole (industriale, culturale o agro-alimentare che sia) ma al consumo immediato: insomma, una città da mangiare – se possibile in fretta, senza troppe pretese e, ça va sans dire, a pagamento.

N come No referendario (sociale)

La valanga di No che hanno seppellito (per ora) l’arroganza renziana viene dai giovani, dalle periferie metropolitane, dal Sud. Hanno votato No i precari, i disoccupati, i poveri e gli impoveriti, chi ha pagato più duramente in termini di disuguaglianza sociale e perdita di diritti. L’analisi di perUnaltracittà.

O come ex OPG Je so’ pazzo

Primo Festival Nazionale dell’Ex OPG Je so’ pazzo, ovvero come un centro sociale napoletano può proporsi come catena di trasmissione di conoscenza, esperienze e buone pratiche per le tante realtà presenti sul territorio nazionale a cui mancano legami per crescere insieme.

P come Presidio della Piana

Oltre cento persone, attivisti dei comitati e abitanti della Piana si sono ritrovate al Presidio no-inceneritori e no-aeroporto in via dell’Osmannoro, nonostante i sigilli della magistratura che ha posto il Presidio sotto sequestro per abusivismo. Ecco perché lo fanno.

Q come Quel pasticciaccio brutto

Le nuove politiche sulla casa e le iniziative istituzionali per affrontare l’emergenza abitativa non si basano più, o almeno pianificano di non basarsi più, sulle case popolari bensi su contributi-affitto, contributi morosità, canoni calmierati a comune garante. I limiti sono evidenti.

R come Repressione

Il reato di associazione a delinquere per chi per chi occupa o organizza picchetti antisfratto. Un tentativo per criminalizzare ogni movimento di protesta, di resistenza, di dissenso. Contro questo disegno unica risposta possibile è la solidarietà e l’informazione indipendente.

S come Social network

Quando Google, Facebook, e le altre big company della Rete vi regalano i loro servizi è bene sapere che il “prodotto” siete voi. Le ipotesi visionarie, come ad esempio quelle immaginate dal P.H. Dick in Minority Report diventano molto concrete: i governi potranno usare i vostri dati per avere il controllo totale di ogni singolo cittadino.

T come Tav

Un articolo di Sergio Rizzo sul Corriere della sera ha portato finalmente alla ribalta nazionale la vicenda, davvero surreale, del progetto di Passante ferroviario Alta Velocità di Firenze. Anni buttati via per assenza di dibattito democratico a favore dei soliti noti. L’analisi del Comitato No Tunnel di Firenze.

U come Urbanistica resistente

“Urbanistica resistente nella Firenze neoliberista”, il libro di perUnaltracittà con un racconto corale e antagonista che produce riflessioni critiche sullo smantellamento in atto della civiltà urbana. Da leggere per sovvertire lo status quo e immaginare un’altra città, ricca di pratiche alternative utili al bene delle persone.

V come Voragine

Dopo il crollo di Lungarno Torrigiani il dossier di perUnaltracittà “L’acqua sotto Firenze. Grande fragilità idrogeologica, grandi opere, grandi appetiti”, dedicato a Firenze e a chi non accetta che venga devastata in nome del profitto di pochi. I numeri della cattiva amministrazione delle acque fiorentine.

W come W la Costituzione!

In otto punti le ragioni del NO al Referendum costituzionale”: 86 pagine, 8 capitoletti e la revisione del testo vigente a fronte. Il libro di perUnaltracittà in difesa della Costituzione. Da leggere anche dopo la vittoria del 4 dicembre, perché non si sa mai…

Z come Zitti

La manifestazione contro le “cattive politiche” del governo Renzi organizzata in occasione della passerella trionfale e celebrativa del premier alla Leopolda, è stata vietata dalla questura. Nel mondo virtuale costruito ad uso e consumo del padrone non c’è posto se non per il plauso interessato e la cortigianeria.

*perUnaltracittà – laboratorio politico

The following two tabs change content below.

perUnaltracittà

All'opposizione in Consiglio comunale a Firenze dal 2004 al 2014, la lista di cittadinanza perUnaltracittà è poi diventata laboratorio politico per partecipare alle vertenze sul territorio e dare voce alle realtà di movimento anche attraverso la rivista La Città invisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha *